Il mio terzo Trimestre

L’ ultimo trimestre di gravidanza va dalla 28esima alla alla 40esima.
In queste settimane il feto prende sempre di più le sembianze “umane”; il corpicino del nostro piccolo inizia a ricoprirsi di ciccetta.
La mia gravidanza , posso dire che è stata bellissima, ho avuto solo la nausea nelle prime settimane, per il resto non ho mai avuto particolari problemi.11087118_10203587215475359_307681522_n
Durante il mio terzo trimestre la pancia è iniziata a crescere a dismisura, infatti la sera qualunque posizione nel letto è diventata scomoda, in quanto sono abituata a dormire a pancia in giù.
I vestiti di una volta li ho dovuti abbandonare, e ho dato il benvenuto alla taglia 44!!
Ma i veri e propri acciacchi sono iniziati verso la fine dell’ ottavo mese : la pancia pesa.. tanto ! La schiena e le gambe fanno malissimo, e inoltre sono sempre stanca.
E’ il periodo più duro, anche se proprio in questo periodo i movimenti e i calci sono sempre più intensi ed emozionanti.
Molte donne dicono che questo trimestre non passa mai! Non credo sia il mio caso. Mi mancano 18 giorni alla data presunta del parto, il tempo è volato. E se da una parte non vedo l’ ora di vedere il mio piccolino, dall’ altra ho tanta tanta paura. Paura di non essere all’ altezza del ruolo che dovrò ricoprire. Paura che il mio bimbo non sarà felice. Paura che io e il mio compagno non saremo abbastanza bravi.
Ho iniziato ad avere delle contrazioni preparatorie già da qualche settimane, e ho già l’ utero accorciato .
Tutte le volte che percepisco dolori strani, contrazioni o qualsiasi malanno, entro un po nel panico. Ho paura di partorire da un momento all’ altro; sia per i dolori che per il post parto.
E se la prima sera, quando mi lasciano il piccolo in camera non saprò gestire la situazione?
Eppure tutte le mamme nelle mie condizioni, a pochi giorni dal parto non vedono l’ ora di partorire, e io voglio che questi giorni non passino mai! Gestire il piccolo nella pancia è mooooolto più facile 🙂
Ma sono l’ unica che vorrebbe fermare il tempo?? Ho tutte voi non vedete l’ ora di partorire?
A pochi giorni dal parto cosa avete provato?

11132056_10203587214475334_1706564917_n

Annunci

Mamma ho il singhiozzo!

Sono all’  8 mese, e tra una decina di giorni entrerò nel nono.
I movimenti del mio piccolino sono sempre più chiari che riesco a capire i suoi movimenti; Capisco quando si stira, quando Gravidanza-sicurascalcia e quando cambia posizione. E’ una sensazione meravigliosa.
Qualche settimane fà però ho iniziato a percepire dei movimenti un pò ” strani”, non riuscivo a capire cosa combinava il mio piccolino all’ interno della mia panciona.
Sentivo movimenti frequenti e brevi, ma non erano calci ( quelli li sò riconoscere molto bene 😀 ) .
Ho capito poi che il piccolo Samuele aveva il singhiozzo! Che cosa buffa! Tutte le volte che singhiozza mi guardo la pancia e rido, immaginandolo !
Ma ben presto sono arrivata al punto di preoccuparmi, in quanto il mio bambino almeno tre volte al giorno singhiozza, ed essendo giovane e un pò inesperta non sapevo se era normale o meno.
Ho deciso quindi di consultare un esperto, che mi ha subito tranquillizzata.
bebe-pancia_su_vertical_dyn
Il singhiozzo dei neonati e del feto :

Il singhiozzo è un movimento ritmico, cadenzato che si può percepire anche quando il bambino è ancora protetto dal ventre materno. Basta guardare, o mettere la mano sulla pancia per rendersene conto : in una zona circoscritta si sente il battito lento e scandito o una serie di piccole scosse. Più evidente negli ultimi tre mesi. Perchè il singhiozzo, non è un evento che si verifica solo una volta venuti alla luce. Già dai primi mesi nella pancia della mamma, il bambino può cominciare a singhiozzare, ancora prima di iniziare la respirazione vera e propria. Ed è del tutto normale che avvenga. Secondo gli esperti infatti il singhiozzo del feto rappresenta il segno che il piccolo si sta ” preparando ” alla vita extra-uterina eseguendo in qualche modo degli esercizi di respirazione determinanti dal movimento dei muscoli della gabbia toracica. E non solo, un’ altra funzione importante del singhiozzo è quella di impedire al liquido amniotico di entrare nei polmoni: infatti durante queste prove di respirazione, il bambino può inghiottire un pò di liquido, e grazie al singhiozzo riesce a buttarlo fuori dalla bocca. Il più delle volte questo avviene quando la mamma compie particolari azioni : ad esempio quando si alza, quando si affatica e addirittura quando mangia troppo. Questi sono tutti comportamenti che portano ad una temporanea riduzione dell’ afflusso di ossigeno al feto. Sappiamo bene infatti che il feto , immerso nel liquido amniotico non respira, ma questo non gli impedisce di fare le prove. Attraverso questo movimento muscolare, inoltre, il feto espelle il liquido amniotico che ingerisce durante la vita intra-uterina e si prepara ad affrontare quelli che saranno i rigurgiti durante le prime poppate : un bimbo che ha imparato a singhiozzare sarà in grado di rimuovere il latte quando gli andrà di traverso.

Quindi giovani mammine come me, se anche voi siete in attesa e il vostro piccolo\a singhiozza un pò troppo non vi preoccupate, si prepara soltanto alla vita al di fuori dei nostri beati pancioni.